Parco Interregionale Liguria – Toscana: rilanciamo turismo ed economia locale

Il rischio idrogeologico è una vecchia emergenza della Liguria, e voglio contribuire a risolverlo con un progetto importante che sto perseguendo in Regione.

L’idea è quella di trasformare il Parco Regionale Montemarcello Magra (che è a rischio chiusura) in Parco Interregionale Liguria – Toscana per proteggere l’ambiente e la biodiversità.

Con questo progetto vogliamo salvaguardare il territorio naturale che tocca due regioni, quattro province e quarantasei comuni. Ma anche tutelare il bacino idrografico del Fiume Magra e del territorio. 

Vogliamo puntare sul mantenimento e sulla valorizzazione del capitale naturale e sociale del territorio: in questo modo potremo anche ottenere finanziamenti dall’Europa da spendere per il miglioramento dell’economia locale, far aprire nuove aziende, creare nuove opportunità di business per chi vive in quelle zone e rilanciare il turismo.

Il patrimonio naturale che abbiamo è immenso, dobbiamo farlo fruttare.

La richiesta che ho presentato in RegioneLiguria per aprire i tavoli di confronto necessari ad avviare il progetto si sta avviando all’approvazione. Il 21 ottobre sarò a Sarzana a presentare il progetto.

E questo modello può valere per tutta la Liguria.

Il modello potrà essere esteso ad altre aree della Regione per una riqualificazione del territorio, soprattutto nell’entroterra più bisognoso.

Un esempio concreto? Riapriamo alla possibilità di istituire il parco del Finalese: la si concretizzi una volta per tutte in un’area di assoluto pregio geologico, naturalistico, turistico e produttivo, in aiuto ai micro-piccoli imprenditori agricoli e artigianali locali. Un territorio, quello del finalese, che nulla ha da invidiare alle Calanques francesi, area simile sulla costa francese a sud-est di Marsiglia, che non a caso i francesi hanno promosso a parco nazionale.

Non perdiamo ulteriore tempo e non perdiamo occasioni. Vi aspetto il 21 ottobre a Sarzana.