“Abbiamo presentato, nell’odierna seduta consiliare, un’interrogazione a risposta immediata sul recente caso del Felettino riportato dal Secolo XIX-La Spezia lo scorso 24 aprile: ad allarmarci quanto riportato dall’autrice del servizio quando cita le parole del consigliere leghista De Paoli, secondo cui ci potrebbe essere un ripensamento della maggioranza sulla realizzazione del Nuovo Ospedale del Felettino a La Spezia in favore di un ‘piano B’, segretissimo per altro”. Così la capogruppo regionale Alice Salvatore.

“Prima di affrontare la questione, abbiamo voluto rassicurare l’assessore Viale che l’interrogazione l’abbiamo fatta nell’ambito del nostro compito di sindacato ispettivo e che le nostre domande sono legittime, e non politiche, perché riteniamo sia doveroso dare una risposta tanto agli operatori sanitari quanto ai cittadini spezzini che ora sono giustamente in allarme. E non solo per le esternazioni di De Paoli, ma anche per quanto dichiarato dall’assessore Viale, secondo cui È un discorso lungo quello che riguarda il nuovo ospedale della Spezia”.

“In estrema sintesi, alla Giunta abbiamo chiesto: è venuta meno l’intenzione di procedere alla costruzione del Nuovo Ospedale del Felettino a La Spezia? E poi, esiste realmente un ‘piano B’ alternativo affinché una rinuncia alla costruzione del nosocomio non comporti un’assenza di continuità assistenziale?”, chiede Salvatore.

“La risposta di Viale da un lato ci conforta perché, stando a quanto dichiarato, i lavori del Felettino non saranno fermati. Ma è altrettanto vero che dall’altro, rileggendo le dichiarazioni di De Paoli, rileviamo incongruenza e schizofrenia da parte di quella stessa maggioranza che ora rassicura gli operatori sanitari e i cittadini di La Spezia”, conclude Salvatore.

MoVimento 5 Stelle Liguria