Grazie al Ministro Sergio Costa, partono progetti immediatamente cantierabili per la cura dell’ambiente e la prevenzione del dissesto idrogeologico: il territorio al centro dell’azione 5 Stelle al Governo

“Il Governo, con un provvedimento del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa relativo al ‘Piano Nazionale per la mitigazione del rischio Idrogeologico, il ripristino e la tutela delle risorse ambientali’, ha finanziato 263 interventi urgenti sul dissesto in Italia: dei 315 milioni di euro stanziati, 10 milioni e 131.957 euro andranno alla Liguria per cantieri che interessano 5 comuni – fanno sapere i parlamentari e consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle -. I Comuni interessati sono: Ameglia (SP), che riceverà oltre 6 milioni di euro per l’impianto idrovoro ‘Canal Grande’ in località Cafaggio; Borzonasca (GE), cui andranno 399.750 euro per i lavori di consolidamento dell’abitato di località Prato sopra La Croce; Sassello (SV), per la sistemazione della frana in località Colletto per un totale di 263.000 euro; Serra Riccò (GE), per la messa in sicurezza idraulica delle aree a valle via Profumo in frazione Mainetto, cui andranno 460.000 euro; e infine Genova, cui andranno 3 milioni di euro a integrazione del finanziamento per lo scolmatore del Bisagno”

“In questo anno, il Ministro Sergio Costa ha prima dovuto sburocratizzare, approvando il Decreto ‘Cantiere Ambiente’, le procedure che comportavano anni di rimpalli tra Enti per approvare un progetto (tempo ora sceso praticamente a soli tre mesi), e ora ha approvato questa lista di interventi in quanto immediatamente cantierabili”, spiegano gli esponenti pentastellati.

“Il Governo – continuano – da subito ha immediatamente preso a cuore la cura del territorio, assicurando procedure snelle e finanziamenti adeguati. Infatti, questa è solo la prima parte dei miliardi di euro che sono dedicati nel bilancio dello Stato per finanziare interventi su frane, fiumi a rischio alluvione e risolvere situazioni di rischio per cittadini e manufatti“.

“Il nostro paese soffre terribilmente per decenni di incuria e cementificazione selvaggia e questo il Governo intende risalire la china puntando sulla prevenzione e non sugli interventi che seguono i disastri. Ovviamente, ci vorranno anni per recuperare il gap che si è creato tra le esigenze che ci sono sul territorio e quanto fatto realmente – concludono -. Questi provvedimenti e il quadro normativo che abbiamo creato permetteranno di avviare i cantieri velocemente, creando anche lavoro in tantissimi comuni con opere diffuse utili per la vita dei cittadini”.

MoVimento 5 Stelle Parlamento
MoVimento 5 Stelle Liguria